CASTELLO DI MIRAMARE - MUSEO STORICO

termini d'uso

La Storia - Carlotta del Belgio

1840 - 7 giugno
Nasce a Laeken la principessa Marie Charlotte di Sassonia-Coburgo-Gotha, figlia minore e unica femmina di Leopoldo I re dei Belgi e della sua seconda moglie Louise Marie d'Orléans.

1850
Rimasta orfana di madre, Carlotta è affidata alle cure di una governante, la contessa Denise d’Hulst, cui si affezionerà profondamente.

1856
Durante un ballo di corte nel palazzo di Laeken Carlotta conosce l’arciduca d’Austria Ferdinando Massimiliano.

1856 - 23 dicembre
Si fidanza ufficialmente con Massimiliano.

1857 - 27 luglio
Si sposa con Massimiliano e inizia un viaggio di nozze che comprende varie tappe in Europa, tra le quali Schönbrunn, Trieste e Venezia.

1857 - 6 settembre
A fianco di Massimiliano, Carlotta fa il suo ingresso ufficiale a Milano, capitale del Lombardo Veneto, di cui il marito era governatore dal febbraio del 1857.

1859 - Luglio
Dopo le dimissioni di Massimiliano dalla carica di governatore del Lombardo Veneto, Carlotta si stabilisce a Trieste con il marito, vivendo a Miramare dapprima nel Castelletto e poi nel Castello. Nel corso di un viaggio iniziato a novembre con Massimiliano, Carlotta si ferma per alcuni mesi a Funchal, sull’isola di Madera, mentre Massimiliano prosegue da solo per il Brasile.

1864 - 14 aprile
Carlotta parte con Massimiliano da Miramare per il Messico, dove come imperatrice presterà molta attenzione ai bisogni della popolazione locale.

1866 - 13 luglio
A causa della situazione critica in cui versa l'impero messicano, Carlotta s’imbarca per l’Europa allo scopo di chiedere aiuti a Napoleone III e a Papa Pio IX.

1866 - Agosto
Arriva a Parigi dove, dopo vari tentativi falliti, ottiene udienza da Napoleone III.
1866 - 19 agosto
Napoleone III comunica a Carlotta che la Francia non può fare più nulla per il Messico.
1866 - 27 settembre
Si fa ricevere dal Papa, che si sottrae alle promesse di aiuto precedentemente fatte.
Carlotta comincia a manifestare i primi segni di uno squilibrio mentale da cui non riuscirà più a guarire.

1866 - 9 ottobre
Ritornata a Miramare, Carlotta viene affidata ai dottori Riedel e Jilek, i quali ne diagnosticano lo stato di follia.

1867
Carlotta viene tenuta all’oscuro, per molti mesi, del tragico destino di Massimiliano.
1867 - 27 luglio
Viene riportata in Belgio dai parenti: non farà più ritorno a Miramare.

1927 - 19 gennaio
Carlotta muore a Bouchot.
Le sue spoglie riposano nella Chiesa di Nôtre Dame a Laeken.